Storia di una storia con poca storia: l’ispanistica italiana tra letteratura, filologia e linguistica

Autori

  • Marco Cipolloni Università di Modena e Reggio Emilia

Abstract

Storia di una storia con poca storia: l’ispanistica italiana tra letteratura, filologia e linguistica

Per tutto il XX secolo la maggior parte degli studi accademici italiani attinenti alla realtà spagnola moderna e contemporanea si sono occupati di filologia e letteratura. Anche dopo il 1945 gran parte dei libri, studi e riviste di argomento ispanistico si sono dedicati quasi completamente alla letteratura e all’arte, con varie descrizioni biografiche degli scrittori e artisti più noti, molte edizioni tanto di opere individuali quanto di opere scelte e un buon numero di cataloghi fotografici e scelte antologiche di testi letterari. Ognuno di questi sottogeneri presuppone e richiede un po’ di storia, ma la vede sempre come strumento e problema di contenuto, più che come contesto o discorso autonomo e strategia critica capace di prendere in esame il passato della Spagna in quanto tale. La storia si riduce a racconto e modo di raccontare, a supporto e nesso su cui inserire una collezione di storie personali arricchite di figure, libri e personaggi. Nel caso della letteratura e arte più recente la nozione e la parola possono persino scomparire, sostituite da altre etichette, più sincroniche, come ad esempio quella di panorama e visione d’insieme. In Italia e per l’ispanistica italiana, la conquista di una visione storica propriamente detta è relativamente recente e deve paradossalmente esser messa in relazione con le crisi parallele della storia e della letteratura, dovute a fattori corno la diffusione dello strutturalismo, al collasso delle grandi ideologie, le polemiche del cosiddetto revisionismo e il successo internazionale dell’ermeneutica, del post-modernismo e degli studi di linguistica computazionale.

Biografia autore

Marco Cipolloni, Università di Modena e Reggio Emilia

Marco Cipolloni è professore ordinario di Lingua cultura e istituzioni dei paesi di lingua spagnola e Varietà della lingua e Comunicazione Interculturale (lingua spagnola) presso la Facoltà di Lettere dell’Università di Modena e Reggio Emilia. Traduttore di narrativa e saggistica (di storia culturale, urbana ed economica) e storico del cinema spagnolo e ispanoamericano, ha pubblicato saggi e monografie su numerosi temi di storia, letteratura, teatro e cinema della Spagna e dell’America latina. Oltre a essere redattore di Spagna Contemporanea, collabora attivamente a riviste di cinema (“La Magnifica Ossessione”, “Letra/Imagen”), teatro (“Theatralia”), linguistica e letteratura (“Quaderni iberoamericani”).

Pubblicato

2005-12-19

Come citare

[1]
M. Cipolloni, «Storia di una storia con poca storia: l’ispanistica italiana tra letteratura, filologia e linguistica», Spagna Contempomporanea, n. 28, pagg. 133-167, dic. 2005.

Puoi leggere altri articoli dello stesso autore/i

1 2 3 > >>