De la burbuja a la pandemia. La Spagna plurale e la crisi delle Autonomie, tra europeismo ed euroscetticismi

Autori

  • Marco Cipolloni Università di Modena e Reggio Emilia

Parole chiave:

Europa, Spagna, antieuropeismo, Bilinguismo, Orgoglio nazionale, Indipendenza

Abstract

Questo studio intende illustrare una fase di indebolimento del sentimento europeista in Spagna, alimentato dall’ondata di amarezza che ha modificato gli equilibri del policentrismo istituzionale spagnolo a partire dalla crisi economica del 2007 e dalle sue conseguenze. Echi e matrici di una vena euroscettica hanno cominciato a punteggiare il discorso pubblico e quello propagandistico, emergendo come tratto caratteristico da molti documenti, testi e messaggi elaborati e diffusi dalle istituzioni, dai partiti e dai movimenti nazionalisti e indipendentisti di ciascuna regione. Alcune formazioni neologiche, comprese molte delle parole composte introdotte con l’Euro per illustrane e propagandarne il funzionamento e i vantaggi, hanno sperimentato una deriva semantica dal marketing promozionale alla demonizzazione, da un uso neutro e politicamente fin troppo corretto ad un uso aggressivo e politicamente scorretto e da una visione positiva e pseudo-descrittiva a una connotativa e negativa. Questo processo è stato accompagnato e alimentato da crescenti dosi di retorica nazionalista e indipendentista. In ogni Comunità Autonoma e soprattutto in quelle dove lo spagnolo condivide con un idioma locale lo stato di lingua ufficiale ha avuto inizio una stagione amara di grande pressione sul plurilinguismo dello stato spagnolo, entrato nel vicolo cieco di una guerra delle parole e delle lingue di cui ancora non si vede la fine.

Ricevuto:  22-04-2021

Accettato: 29-05-2021

Biografia autore

Marco Cipolloni, Università di Modena e Reggio Emilia

Marco Cipolloni è professore ordinario di Lingua cultura e istituzioni dei paesi di lingua spagnola presso il Dipartimento di studi linguistici e culturalidell’Università di Modena e Reggio Emilia. Traduttore di narrativa e saggistica (di storia culturale, urbana ed economica) e storico del cinema spagnolo e ispanoamericano, ha pubblicato saggi e monografie su numerosi temi di storia, letteratura, teatro e cinema della Spagna e dell’America latina. Oltre a essere redattore di “Spagna contemporanea”, collabora attivamente a riviste di cinema (“La Magnifica Ossessione”, “Letra/Imagen”), teatro (“Theatralia”), linguistica e letteratura (“Quaderni iberoamericani”).

Pubblicato

2021-10-11

Come citare

[1]
M. Cipolloni, «De la burbuja a la pandemia. La Spagna plurale e la crisi delle Autonomie, tra europeismo ed euroscetticismi», Spagna Contempomporanea, n. 59, pagg. 79-120, ott. 2021.

Puoi leggere altri articoli dello stesso autore/i

<< < 1 2 3