«Spagna indomita». Rapporti tra anarchismo italiano e spagnolo nell’immediato secondo dopoguerra

Autori

  • Marco Novarino Università degli Studi di Torino

Parole chiave:

anarchismo italiano, Movimiento Libertario Español, opposizione al franchismo

Abstract

Nel 1945, con la definitiva sconfitta del nazifascismo, il movimento anarchico italiano rinacque su base nazionale e riprese i contatti fraterni con quello spagnolo che continuava a combattere contro la dittatura franchista sia in esilio sia all’interno della Spagna, lotta che ebbe il suo apogeo tra il 1945 e il 1950. 

La presenza di reduci della Guerra civile spagnola tra i maggiori esponenti dell’anarchismo italiano, ma soprattutto gli echi di quanto era successo dal luglio 1936 al maggio 1937, catalizzarono il dibattito in Italia e le relazioni tra i due movimenti. Fin dall’inizio apparvero chiare alcune divergenze strategiche, in particolare sul ruolo delle strutture organizzate all’interno dell’anarchismo e sulla presenza nel movimento operaio di un sindacato d’ispirazione libertaria. I dissensi però non inficiarono né il sentimento né l’attività solidale nei confronti del Movimiento Libertario Español e della lotta antifranchista in generale che si manifestarono attraverso la partecipazione ad associazioni di solidarietà, anche non specificatamente di matrice anarchica, la propaganda orale e scritta, arrivando persino a rispolverare la cosiddetta «propaganda con il fatto», come avvenne nel 1949 con l’attacco dimostrativo conto il Consolato spagnolo di Genova.

Ricevuto: 30-01-2015

Biografia autore

  • Marco Novarino, Università degli Studi di Torino

    Marco Novarino è attualmente ricercatore di Storia contemporanea presso il Dipartimento di Lingue e Letterature straniere e Culture Moderne dell’Università di Torino. Si occupa principalmente di iberismo storico contemporaneo, della storia dell’associazionismo laico e cremazionista, e della massoneria italiana e spagnola. È stato tra i fondatori di “Spagna contemporanea”, di cui fin dall’inizio è membro del comitato di redazione. Direttore del Centro di ricerche storiche sulla libera-muratoria, ha appena pubblicato Compagni e liberi muratori. Socialismo e massoneria dalla nascita del PSI alla Grande guerra (Soveria Mannelli, Rubbettino, 2015). La sua bio-bibliografia è reperibile sul sito www.spagnacontemporanea.it.

Dowloads

Pubblicato

2015-07-15

Come citare

[1]
“«Spagna indomita». Rapporti tra anarchismo italiano e spagnolo nell’immediato secondo dopoguerra”, Spagna contemporanea, no. 47, pp. 53–78, Jul. 2015, Accessed: Jun. 19, 2024. [Online]. Available: https://www.spagnacontemporanea.it/index.php/spacon/article/view/177