El general Vicente Jenaro Quesada Arango o la animadversión a la Constitución de 1812

Autori

  • Javier Pérez Núñez Università Autonoma di Madrid

Parole chiave:

Spagna, Madrid, Rivoluzione liberale, Guerra carlista, Militarismo, Storia politica

Abstract

Il generale Vicente Jenaro Quesada Arango ovvero l’avversione per la Costituzione del 1812

Profilo biografico del generale spagnolo di origine cubana Vicente Jenaro Quesada Arango, caratterizzato dalla sua opposizione al regime nato dalla Costituzione del 1812. Partito da un assolutismo intransigente durante il triennio liberale, moderò la sua ideologia all’inizio della reggenza di Maria Cristina, difendendo lo Statuto Reale e comandando l’esercito liberale nella prima guerra carlista. Ciononostante, mantenne il rigetto per il primo modello liberale, impedendo dalla sua posizione di capitano generale che le mobilitazioni popolari dell’estate del 1835 e soprattutto del 1836 trionfassero a Madrid. Questo finì per costargli la vita.

 

 

Biografia autore

Javier Pérez Núñez, Università Autonoma di Madrid

Javier Pérez Núñez insegna Storia contemporanea presso l’Università Autonoma di Madrid. Ha concentrato le sue ricerche sullo studio teorico e pratico del governo e dell’amministrazione territoriale (locale e provinciale) della Spagna del XIX secolo. Fra le sue più importanti pubblicazioni La Diputación Foral de Vizcaya. El régimen foral en la construcción del Estado liberal, 1808-1868 (Madrid, Centro de Estudios Constitucionales, 1996). È anche collaboratore del Diccionario Biográfico Español della Real Academia de la Historia.

Pubblicato

2009-06-30

Come citare

[1]
J. Pérez Núñez, «El general Vicente Jenaro Quesada Arango o la animadversión a la Constitución de 1812», Spagna Contempomporanea, n. 35, pagg. 1-20, giu. 2009.