«El campo más apropiado para su psicología». La feminización de las instituciones culturales durante en el franquismo

Autori

  • Jesús Espinosa Romero Archivo General de la Administración. Ministerio de Cultura y Deporte

Parole chiave:

archivi, biblioteche, donne, femminilizzazione, lavoro, patrimonio culturale, dittatura di Franco

Abstract

«El campo más apropiado para su psicología». La femminizzazione delle istituzioni culturali durante il franchismo

Il presente articolo tratta della femminilizzazione del lavoro dei funzionari incaricati della gestione del patrimonio storico. Se ciò ebbe inizio definitivamente durante gli anni della Seconda Repubblica, fu durante il secondo regime di Franco quando le donne raggiunsero la preminenza lavorativa contro gli uomini, e già nella Transizione alla democrazia quando furono definitivamente integrate nel thesauri delle istituzioni culturali dello stato.

Ricevuto: 17-05-2019

Accettato: 03-06-2019

Biografia autore

Jesús Espinosa Romero, Archivo General de la Administración. Ministerio de Cultura y Deporte

Jesús Espinosa Romero ha conseguito una laurea in Filosofia e Lettere presso l’Università Autonoma di Madrid nel 1990 e un MBA presso Aziende e Istituzioni Culturali dell’Università di Salamanca nel 2008. Ha lavorato presso la direzione generale degli Archivi di Stato e al progetto PARES, sul portale delle vittime della Guerra Civile e delle rappresaglie di Franco. Insieme a questi compiti, è stato coordinatore dei contenuti del portale degli archivi Europa. Dal dicembre 2013 ricopre la carica di direttore dell’Archivio generale della Guerra civile spagnola, integrato nel Centro documentario di memoria storica (Salamanca). Attualmente è vicedirettore dell’Archivio generale dell’amministrazione.

Pubblicato

2019-06-30

Come citare

[1]
J. Espinosa Romero, «“El campo más apropiado para su psicología”. La feminización de las instituciones culturales durante en el franquismo», Spagna Contempomporanea, n. 55, pagg. 15-34, giu. 2019.