Saggi e ricerche n. 26

Saggi e ricerche n. 26

Luis Barbastro Gil, El «catolicismo liberal» de Villanueva, Bernabeu y Cortes. Una contribución decisiva al primer  liberalismo (1808-1823)

L’articolo intende far conoscere il pensiero ideologico-politico dei tre deputati valenziani alle Cortes, e il loro decisivo apporto alla genesi del liberalismo in Spagna. La trama essenziale del testo è un abbozzo del contesto politico e culturale della Spagna negli ultimi decenni del XVIII secolo e nel primo terzo del XIX.
I tre personaggi, pur presentando caratteri individuali e autonomi, sono accomunati dall’appartenenza al clero valenziano e da un comune substrato teologico e filosofico di stampo regalista e giansenista. Furono proprio queste le correnti di pensiero che contribuirono a forgiare i postulati del liberalismo spagnolo, indispensabili per riformare la Chiesa, problema essenziale del Paese. Egualmente l’articolo pone in rilievo la profonda spaccatura esistente nel seno della Chiesa spagnola agli inizi del XIX, smentendo così la teoria che ha molto spesso sostenuto la mentalità omogenea e uniforme del clero spagnolo dell’epoca.


Marta Ruiz Jiménez, Una aproximación al discurso liberal exaltado durante el Trienio liberal

L’articolo si propone un avvicinamento alle coordinate ideologiche dei liberali esaltati durante il Triennio liberale spagnolo (1820-1823). Si parte dall’analisi dei testi pubblicati da Pedro Pascasio Fernandez Sardinó nel giornale che dirigeva, “El Cincinato o El verdadero moderado liberal”, e si cerca altresì di ricostruire le diverse versioni dell’opera di Volney, Les ruines ou Méditation sur les révolutions des empires, pubblicate in differenti opuscoli liberali.


Luis Martín Estudillo - La génesis de un símbolo: Isabel la Católica en el teatro reaccionario español de la década de 1930

L’immagine di Isabella I di Castiglia fu molto usata dal regime franchista a simbolizzare una Spagna unita, cattolica e imperiale. Le origini di questa interessata interpretazione della regina sono da ricercarsi in Santa Isabel de España e La mejor Reina de España, due pièce teatrali reazionarie degli anni Trenta, la prima di Mariano Tomás, e la seconda di Luis Rosales e Luis Felipe Vivanco. Questi testi avrebbero fornito alla causa nazionalista un elemento fondamentale pèer la costruzione di un’ideologia che permettesse loro di giustificare le proprie azioni.


Ingrid  Schulze Schneider, Alemania y la guerra civil española: información y propaganda

L’articolo prende in esame le strategie di propaganda impiegate in Spagna dal regime hitleriano nel corso della Guerra civile, quasi sempre con l’approvazione e l’aiuto delle autorità franchiste.
I rappresentanti del partito nazista in Spagna e importanti funzionari dell’ambasciata tedesca a Madrid lanciatono ripetute campagne negli anni 1936-1939, non solo in favore della Germania, ma per consolidare il governo di Franco.
Per far ciò essi si valsero di tutti i mezzi di comunicazione esistenti, tra cui principalmente Radio Nacional de España, che fu creata grazie alla fornitura tedesca delle attrezzature, e delle agenzie di stampa dei due Paesi, in stretta collaborazione tra loro.


Valeria Quirico, L'arcipelago Icaria e l'Isola Barataria

Le numerose riforme che hanno modificato negli ultimi 15 anni il sistema educativo spagnolo hanno favorito il proliferare di proposte di rinnovamento dell’insegnamento della storia e delle scienze sociali, soprattutto nell’istruzione obbligatoria. Il saggio approfondisce l’attività di alcuni gruppi impegnati in questo ambito, riuniti in una federazione chiamata Federación Icaria. Il loro principale obiettivo è lo sviluppo negli studenti di un approccio critico, sia nello studio dei programmi scolastici, che nell’analisi dell’organizzazione della scuola e della società in generale. Ci si sofferma in particolare sui materiali didattici elaborati da Insula Barataria, un gruppo di docenti che propone l’insegnamento della storia a partire dall’analisi di problemi sociali attuali, al fine di educare gli studenti alla dialettica democratica e farne cittadini consapevoli e partecipi.


STAMPA LA SCHEDA
  Visite: 248
Powered by Sigsiu.NET RSS Feeds