Saggi e ricerche n. 15

Saggi e ricerche n. 15

Susanna Moscardini, L’anarcosindacalista Joan Peiró: un profilo biografico(1887-1942)

Poco si sa della personalità di Joan Peiró, un dirigente dell’anarcosindacalismo catalano, che ebbe invece un ruolo importantissimo nella CNT, il sindacato anarchico spagnolo. Egli fu uno dei protagonisti più importanti della scissione del sindacato, e, soprattutto, uno dei quattro dirigenti anarchici che entrò, come Ministro dell’industria, nel governo della Spagna repubblicana durante la guerra civile. L’articolo è principalmente biografico e cerca di mostrare l’apprendistato politico del dirigente anarchico e il suo ruolo all’interno della Confederación Nacional de Trabajo.


Enric Ucelay-Da Cal, La imagen internacional de España en el periodo de entreguerras: reminiscencias, estereotipos y dramatizacón neorromántica

Le immagini hanno circuiti culturali predisposti, che condizionano la ricezione di nuove informazioni. Basato su queste premesse l’articolo, che analizza prevalentemente il periodo tra le due guerre mondiali, prende in considerazione le diverse immagini della Spagna, che anche in precedenza avevano avuto profonda e duratura influenza all’interno, o che provengono da pregiudizi esterni: dalla nuova monarchia spagnola vista come una Controriforma all’identificazione della Spagna con l’Andalusia, nata durante la guerra antinapoleonica, consolidatasi nel periodo romantico e all’apice del suo fulgore negli anni Venti, durante la dittatura di Primo de Rivera.
L’Autore studia il mutamento delle immagini conseguente al succeso della Prima Repubblica nel 1931, ma guarda in special modo alla guerra civile, periodo in cui si ha il “congelamento” delle immagini della realtà spagnola. Tralasciando l’interpretazione franchista, egli si concentra su due immagini repubblicane, quella madrileñista e quella barcelonista.


Josep Puigsech Farràs, Las relaciones entre la Internacional comunista y el PSUC durante el conflicto de 1936-39.

Il saggio, basato su documenti inediti provenienti dagli archivi ex-sovietici, studia i rapporti tra l’Internazionale comunista e il PSUC (Partit Socialista Unificat de Catalunya) nel corso della guerra civile. Esamina i motivi e il senso del legame del PSUC con l’Internazionale, ma descrive anche l’iniziale riserva e diffidenza dell’Internazionale nei confronti del PSUC, e come in una seconda fase l’Internazionale abbia cercato di trasformare il PSUC in un Partito comunista. L’articolo ci illumina inoltre sui fattori condizionanti i rapporti tra il PSUC e il partito comunista spagnolo all’interno della comune organizzazione dell’Internazionale.


Gennaro Carotenuto, La carta spagnola. Mussolini e la Spagna durante la Seconda guerra mondiale (1939-1943)

Dopo la costosa partecipazione alla guerra civile spagnola, Mussolini si lancia nell’avventura della seconda guerra mondiale, che segnerà la fine del suo regime. In pochi mesi lo status della Spagna di Franco mutò da quello di un teoricamente docile satellite a quello di un paese che si sforzava di separare i propri destini da quelli dei Paesi dell’Asse. Ciò che fece realmente la differenza non fu il desiderio del Caudillo di perseguire il sogno impossibile di una riuscita imperiale, ma la disastrosa situazione militare spagnola e la fame di un popolo esausto da tre anni di guerra civile e, purtuttavia, non ancora totalmente domato.


Paola Olla, Europa y Estados Unidos frente al problema de la integra­ción de España en el sistema de seguridad occidental (1945-1953)

Dopo la fine della seconda guerra mondiale il regime franchista riuscì a sopravvivere alla disfatta dell’Asse, che pure era stato il fattore determinante del suo successo, e a poco a poco si immise nella nuova realtà internazionale politica ed economica. Il saggio analizza i passaggi fondamentali di questo ritorno nel periodo cruciale 1945-1953.
Molti aspetti vengono presi in esame, e l’Autore mostra come una seria analisi di questi eventi non possa essere ridotta alle relazioni bilaterali Madrid-Washington né all’anno conclusivo del 1953. Vi fu in effetti una dialettica assai più articolata, in cui ebbero parte determinante le scelte, sia quelle fatte sia quelle non fatte, della Francia e del regno Unito.

STAMPA LA SCHEDA
  Hits: 152
Powered by Sigsiu.NET RSS Feeds