Saggi e ricerche n. 1

Saggi e ricerche n. 1

Marco Mugnaini, All’origine dell’ispanismo storiografico contemporaneo in Italia. 1. I precursori dell’epoca romantica e risorgimentale

È noto che la storia della Spagna contemporanea ha un preciso termine a quo negli avvenimenti e nei processi che hanno il loro spartiacque periodizzante nell’anno 1808. Meno diffusa è la convinzione che le radici  dell’ispanismo contemporaneo italiano, soprattutto a livello storiografico, vadano ricercate nell’eco provocato nell’Europa della restaurazione dalla guerra de la Independencia. Gli avvenimenti ad essa connessi  ed i valori che ne erano scaturiti avevano acceso l’entusiasmo dei romantici europei e soprattutto degli italiani che stavano gettando le basi per un  rinnovamento della Scienza Nuova vichiana sul piano nazionale. Al mutevole giudizio storico sulla Spagna, durante e dopo la guerra napoleonica, si aggiunge un approfondimento della riflessione storica sugli avvenimenti spagnoli, originato dalla sincronia tra il tormentato passaggio dall’ancien régime allo stato liberale nella penisola iberica col simultaneo affermarsi del Risorgimento italiano.


Patrizio Rigobon, Enric Prat de la Riba: l’ideologia del pragmatismo nazionalista catalano

La ricerca parte dal successo dell’opera politica di Prat de la Riba e dagli scritti del e sul politico catalano senza pretese di esaustività. Esamina quindi le radici culturali del nazionalismo di Prat mettendo in evidenza l’influsso del krausismo, delineando il concetto pratiano di razza, nonché la relazione con Eugeni d’Ors e l’influenza esercitata da Taine.


Francisco Madrid, De la supuesta estancia de Fernando Garrido en Florencia

Sulla base di una rilettura di documentazione nota custodita nell’Archivio di Stato di Firenze, l’autore ritiene assai insicura la presenza a Firenze, nei primi mesi del 1864, di Fernando Garrido, uno dei principali apostoli delle idee socialiste in Spagna. Esamina quindi i rapporti di Garrido con Bakunin e Mazzini  nonché gli articoli apparsi su “La Nuova Europa”.


Eduardo Mateo, Algunos problemas culturales de los años cuarenta en Espana

Com’è noto, l’altra faccia della massiccia fuga di intellettuali alla fine della guerra civile spagnola è rappresentata dal cosiddetto “exilio interior”. Il saggio studia come il controllo dell’informazione, la censura e l’autocensura, l’uso di alcune mitologie (ad esempio quella del Caudillo, dell’avvento di una nuova era, del particolarismo e dell’unità nazionale), la strategia dell’oblio abbiano esercitato un  peculiare influsso nel  processo di creazione artistica e letteraria durante gli anni del totalitarismo franchista.


Massimo Armaroli, “Bicicleta”, una rivista della transizione spagnola

Sono oggetto della ricerca i primi venticinque (da novembre 1977 a marzo 1980) numeri del mensile libertario “Bicicleta”.  Vengono esaminati i principali temi trattati da questa rivista militante con particolare riferimento alla questione dell’indipendenza. Ne risulta una messa a fuoco del punto di vista neoanarchico e giovanile sulla transizione spagnola alla democrazia

STAMPA LA SCHEDA
  Visite: 441
Powered by Sigsiu.NET RSS Feeds