Autori

Attenzione: apre in una nuova finestra. StampaE-mail

Le notizie sugli Autori non sono aggiornate. Esse riflettono la situazione al momento della collaborazione con la rivista.

 

Marcella Aglietti si è addottorata in Storia moderna e contemporanea presso la Scuola Superiore di Studi Universitari e Perfezionamento Sant'Anna di Pisa. I suoi interessi vertono sulla Spagna della seconda metà del XIX secolo, con particolare riferimento alla storia politica e a quella delle donne, argomenti sui quali ha in corso di pubblicazione diversi saggi. Attualmente è borsista CNR con un progetto di storia comparata Italia-Spagna durante la Prima Guerra Mondiale. (22)

Manuel Alcaráz Ramos insegna Diritto Costituzionale presso l’Universi­tà di Alicante. Ha pubblicato Cuestión nacional y autonomía valenciana (Alicante, 1985). Si occupa attualmente di problemi televisivi. (5)

Gonzalo Álvarez Chillida insegna Storia contemporanea presso l’Università Autonoma di Madrid. Ha pubblicato José María Pemán. Pensamiento y trayectoria de un monárquico (1897-1941 (Cadice, 1996). Attualmente svolge ricerche sull’antisemitismo spagnolo. (13)

Bianca Amaducci laureata in Lingua e letteratura spagnola presso l’Univer­sità di Firenze, collabora come aiuto regista al “Centro Culturale di teatro” di Firenze. (10)

Ramón Arnabat Mata si è addottorato in storia presso la Universidad Pompeu Fabra di Barcellona. Studioso della società spagnola del XIX secolo, e specialmente del periodo della crisi dell’ancien régime e della rivoluzione borghese in Catalogna, ha pubblicato numerosi articoli su questi temi in diverse riviste.
Tra le sue pubblicazioni più recenti citiamo Liberals i reialistes. El Trienni liberal al Penedès (1820-1823), Lleida, 1997 e La revolució de 1820 i el Trienni Liberal a Catalunya, Vic, 2001.  (21)

Gianluca Balestra frequenta il dottorato di ricerca all’Università di Venezia. È intervenuto con saggi di storia militare su varie riviste e nel volume collettaneo, curato da A. Del Boca, Le guerre coloniali del fascismo (Roma-Bari, Laterza, 1991). Sta preparando una storia dell'Accademia militare di Modena. (3, 4)

Pedro Barruso ha conseguito il dottorato di ricerca in storia presso l’Università di Deusto (Bilbao) e un Master in giornalismo nell’Università del Paesi Baschi. I suoi interessi scientifici vertono sulla Seconda repubblica, la guerra civile e il primo franchismo nella provincia di Guipúzcoa. Ha pubblicato: El movimento obrero en Guipúzcoa durante la II República (1966) e Verano y revolución. La Guerra civil en Guipúzcoa, julio-septiembre de 1936 (1996). (16)

Alberto Basciani segue attualmente un dottorato di ricerca in Storia dell’Europa Orientale presso l’Università Complutense di Madrid, sotto la direzione del professor Juan Carlos Pereira. Si occupa della storia dei Paesi dell’area balcanico-danubiana e dei loro rapporti con la Spagna. (14)

Bartolomé Bennassar, attualmente fuori ruolo per raggiunti limiti di età, ha insegnato storia dal 1970 al 1991 presso l’Università di Toulouse. Tra le sue numerosissime pubblicazioni: Historia de la Inquisición española, El siglo de oro español, Los cristianos de Ala, tradotti tutti anche in Italia. Ha recentemente pubblicato Franco, 1995. (12)

Justo G. Beramendi insegna Storia contemporanea presso l’Università di Santiago de Compostela. Si occupa in particolare del nazionalismo gallego. Attualmente ha in corso di stampa Galicia, de provincia a nación. Historia do galeguismo politíco, 1840-1936. (7)

Walther L. Bernecker insegna Cultura e civilizzazione dei paesi Romanici all’Università di Erlangen-Nürnberg. Ha pubblicato tra l’altro Colectividades y revolución social. El anarquismo en la guerra civil española, 1936-1939, Barcelona, 1982; Spaniens Geschichte seit dem Bürgerkrieg, Monaco, 1988, e ha curato España y Alemania en la edad contemporánea, Francoforte, 1982. (4, 9)

Carlo Boccazzi Varotto si è laureato in storia contemporanea all’Università di Torino con una tesi sulla ricostruzione storica attraverso l’immagine fotografica e ha collaborato con l’Istituto nazionale per la storia del movimento di liberazione in Italia e l’Istituto storico della Resistenza in Piemonte. Attualmente si occupa del rapporto tra mass media e storiografia in collaborazione con l’Archivio nazionale cinematografico della Resistenza e la Fondazione italiana per la fotografia di Torino. (11)

Jorge Bogaerts ha conseguito il dottorato in storia presso l’Università di Oviedo con una tesi sul paternalismo industriale durante il franchismo. Si interessa anche di storia dell’arte e ha pubblicato diversi articoli su riviste culturali asturiane. (17)

Stefano Borgogni si è laureato in Lingue e letterature straniere presso l’Università di Torino con una tesi da cui è estratto il saggio. (8)

Emiliano Bruno si è laureato nel dicembre 1999 con una tesi su Cunqueiro presso la Facoltà di Lingue e Letterature Straniere dell’Università di Urbino. Attualmente sta svolgendo una ricerca sul rapporto intellettuali-potere in Galizia durante la Guerra civile. (17)

Alfonso Bullón de Mendoza y Gómez de Valugera insegna Storia contemporanea presso l’Università San Pablo di Madrid e dirige la rivista “Aportes”. Recentemente ha pubblicato La primera guerra carlista (1992) e curato il volume collettaneo Las guerras carlistas (1993). (7)

Gian Paolo Calchi Novati insegna Storia e istituzioni dei Paesi africani e asiatici all’Università di Pavia. È stato Visiting Professor in diverse Università straniere, in Etiopia, Messico  e Tunisia. Ha studiato il colonialismo e la decolonizzazione in Africa, e la crisi degli Stati africani post coloniali. Attualmente indaga la nascita del pensiero politico africano. 
Fra le sue più recenti pubblicazioni ricordiamo: Dalla parte dei leoni. Africa nuova, Africa vecchia (Milano 1995); Storia dell'Algeria indipendente (Milano 1998); Il canale della discordia. Suez e la politica estera italiana (Urbino 1998). (22)

Ermanno Caldera è professore di Lingua e Letteratura Spagnola presso l’Università di Genova. È fondatore e direttore del Centro Internazionale di Studi sul Romanticismo spagnolo. È attualmente presidente dell’Associazione Ispanisti Italiani. (5, 7)

Cándida Calvo Vicente ha conseguito il dottorato di ricerca in storia contemporanea presso l’Università di Salamanca con una tesi dal titolo Poder y consenso en Guipúzcoa durante el franquismo, 1936-1951. Attualmente si interessa del dibattito storiografico italiano sul fascismo. (7)

Gennaro Carotenuto ha conseguito il Dottorato in Storia contemporanea presso l’Universidad de Valencia, ed è borsista presso l’Università di Macerata. Si occupa attualmente dei regimi dittatoriali in America Latina nel XX secolo. Su questi argomenti ha pubblicato diversi articoli e saggi. (15)

Daniela Carpani è ricercatrice di Lingua spagnola presso la Facoltà di Scienze Politiche di Genova. Codirige la collana di "Studi di linguistica spagnola e ispanoamericana" pubblicata dall'I.S.LA. di Pagani. Tra i suoi filoni di ricerca in ambito storico, la politica educativa nella Spagna contemporanea e i libri di viaggio nell'epoca delle grandi scoperte. Su questi argomenti ha pubblicato articoli su diverse riviste. (19, 22)

Jesús Antonio Carrasco Álvarez, madrileno, ha sostenuto una tesi di licenciatura presso l’Università Complutense di Madrid sotto la direzione del professor José Cepeda Gómez, e sta lavorando a una tesi dottorale il cui argomento riguarda la guerriglia durante la Guerra de la Independencia (1808-1814). (9)

Giovanni Casetta, studioso di storia dell'America latina, ha tra le sue pubblicazioni: America latina:la grande trasformazione, 1945-1985 (in col­laborazione con M. Carmagnani; Torino, 1989) e Colombia e Venezuela. Il progresso negato, 1870-1990 (Firenze, 1991). Ha dedicato numerosi studi al pensiero di J.C. Mariátegui, su libri o riviste specializzate, in Italia, Messico e Perù. (6)

Alessia Cassani è dottoranda in Studi Americanistici presso la Facoltà di Lingue e Letterature Straniere dell’Università di Genova. 
La sua ricerca si svolge nel campo della letteratura spagnola contemporanea, con particolare riferimento all’avanguardia. (21)

Ana Claro Guerrero insegna Storia contemporanea presso la UNED di Madrid. Ha studiato i viaggiatori inglesi in Spagna nel XIX secolo. (8)

Inmaculada Cordero Oliver è professore di storia contemporanea della Facultad de Humanidades all’Università di Huelva. Ha prestato particolare attenzione ai temi dell'esilio. Fra le sue ultime pubblicazioni citeremo: El exilio español de 1939 y la imagen de España en México (1995); El retorno del exiliado (1996); Los transterrados y España, un exilio sin fin (1997).  (16)

José Ignacio Cruz è dottore in filosofia e scienze dell’educazione. Professore presso l’Università di Valenza, si occupa di storia dell'educazione; su questo argomento ha pubblicato numerosi saggi e monografie, tra cui La educación republicana en América (1939-1992) (Valencia, 1994). (5)

Aliria Dallaglio si è laureata in lingue presso 1’Università Cattolica del S. Cuore di Milano con una tesi su Gonzalo Torrente Ballestrer. (8, 9)

Lorenzo Delgado Gómez-EscaIonilla lavora nel Dipartimento di storia contemporanea del Centro di Studi storici (Csic). È autore, tra l’altro, di Diplomacia franquista y política cultural hacia Iberoamérica, 1939-1953 (Madrid, 1988) e di Imperio de papel. Acción cultural y política exterior durante el primer franquismo (Madrid, 1992). (6)

Luca De Boni si è laureato in Lettere nel 1994 presso l’Università degli studi di Trento con una tesi sull’Hoac durante il franchismo di cui è stato relatore il prof. Luis de Llera. (10)

Santiago de Pablo è professore di Storia Contemporanea presso la Uni­versidad del País Vasco. Ha pubblicato La Segunda República en Alava (1989). Membro del comitato direttivo della rivista “Sancho el Sabio” di Vitoria. (5)

Xavier Diez è nato a Barcellona e si è addottorato in storia con una tesi su  El Individualismo anarquista en España (1898-1938). 
Si occupa di pedagogia terapeutica  e di giornalismo. Ha pubblicato articoli di carattere storico su diverse riviste e il volume Utopia sexual de l’anarquisme a Catalunya. La revista Ética-Iniciales (1927-1937), Lleida,  2001.  (21)

Josep Estevill si occupa in particolare di storia del cinema del periodo franchista e sta attualmente lavorando a una tesi di dottorato intitolata Cine y propaganda en España (1939-1945) che fra non molto sarà discussa presso l’Università di Barcellona. Sull’argomento ha pubblicato numerosi articoli. (14)

Henrike Fesefeldt è impegnata in un dottorato di ricerca sulla comparazione dei movimenti sindacali spagnoli con quelli europei all’Università di Bielefeld. Si occupa di storia economico-sociale.  (4)

Josep Maria Figueres i Artigues è professore di storia della comunicazione nelle facoltà di Scienze della comunicazione alla Universitat Autònoma di Barcelona e alla Universitat Ramon Llull. Conta numerose pubblicazioni, di cui fra le più recenti citeremo El primer diari en llengua catalana. Diari Català (1879-1881) (Barcelona, 1999), e Premsa i nacionalisme. El periodisme en la reconstrucció de la identitat catalana (Barcelona, 2002). Ha anche curato raccolte di scritti di vari nazionalisti catalani: Almirall, Companys, Carrasco i Formiguera e altri. (19, 21)

Mimmo Franzinelli si occupa dei rapporti tra guerra e ideologia religiosa in età contemporanea. Ha pubblicato tra l’altro Il riarmo dello spirito (Treviso, 1991), I cappellani militari italiani nella resistenza all’estero (Roma, 1993). (4)

Juan Francisco Fuentes, insegna Storia contemporanea presso l’Università Complutense di Madrid. Autore del libro José Marchena. Biografía política e intelectual (1768-1821), Barcelona, 1989, e, in collaborazione con J. Fernández Sebastián, della Historia del Periodismo español. Prensa, política y opinión pública en la España Contemporánea, Ed. Síntesis, 1997. Attualmente è impegnato nella redazione del Diccionario de términos políticos y sociales de la España liberal. (8, 13)

Giulia Gadaleta si è laureata nell’anno accademico 1996-97 all’Università di Bologna con una tesi sul movimento femminile nel tardo periodo franchista. (15)

Stefania Gallini è laureata in Scienze Politiche presso l’Università degli Studi di Milano. Si occupa in prevalenza di storia economica dell'America Latina e della Spagna. (9)

Felice Gambin è dottorando in Ispanistica presso l’Università di Pisa. Si è occupato di Baltasar Gracián e di Huarte de San Juan. (9)

Alberto Gil Novales insegna Storia contemporanea presso la Facoltà di Scienze dell'Informazione dell’Università Complutense di Madrid. Studioso del XIX secolo spagnolo e in particolare del Trienio liberal, vanta numerosissime pubblicazioni. Ha diretto e redatto, tra l’altro, il Diccionario Biográfico del Trienio Liberal (Madrid, Ed. El Museo Universal, 1991) (8, 9, 13)

Pedro Carlos González Cuevas, insegna Storia delle idee politiche alla UNED. Studioso della destra spagnola e del pensiero reazionario, ha recentemente pubblicato Acción Española. Teología política y nacionalismo autoritario en España (1913-1936) (Madrid, 1998). (13)

Paola Gorla si è laureata nel 1992 allo IULM di Milano con una tesi su Ambito di Vicente Aleixandre. (3, 4)

Emilio Grandío Seoane, è ricercatore della Xunta de Galicia nel Dipartimento di storia contemporanea dell’Università di Santiago de Compostela. Prepara una tesi di dottorato sulla CEDA in Galizia durante la II Repubblica. Ha pubbli­cato diversi articoli sulla situazione politica e sociale della Galizia durante la II Repubblica, oltre a due libri di storia della città di La Coruña nei secoli XIX e XX. (12)

José Luis de la Granja insegna storia contemporanea all’Università del Paese Basco. Ha pubblicato tra l’altro República y Guerra civil en el País Vasco (Bilbao, 1986) e recentemente curato, assieme ad Alberto Reig Tapia, Manuel Tuñon de Lara. El compromiso con la historia (Bilbao, 1993). (5)

Luis Íñigo Fernández si è laureato nel 1989 alla Universidad Complutense di Madrid, e addottorato presso la UNED nel 1999 con la tesi Republicanos de orden. Liberales demócratas, progresistas y conservadores durante la Segunda República española (1931-1936).Insegna in un istituto di scuola media superiore. Ha pubblicato diversi articoli sulla storia della Seconda repubblica, con particolare attenzione ai partiti repubblicani di destra, e altri lavori sulla didattica della storia. (17)

Encarnación  Lemus López è professore di storia contemporanea della Facultad de Humanidades all’Università di Huelva. Si è occupata tra l’altro di studi sull’emigrazione e annovera, tra le sue pubblicazioni più recenti, i volumi Ausente en Indias. Una historia de la emigración extremeña a América (1994); La transición en Andalucía (en colaboración) (1997). (16)

María José Lacalzada de Mateo ha conseguito il dottorato in storia contemporanea presso la Universidad de Zaragoza nel 1991 con una tesi su Concepción Arenal, poi pubblicata nel 1994 con il titolo Mentalidad y proyección social de Concepción Arenal. (14)

María Victoria López-Cordón Cortezo, insegna storia moderna presso l’Universidad Complutense di Madrid. Ha lavorato fondamentalmente sui temi di storia sociale e del pensiero politico del Settecento e Ottocento, con attenzione anche alla dimensione di genere. Negli ultimi anni si è dedicata ai rapporti della Spagna con l'Europa. Tra le sue pubblicazioni più recenti La idea de Europa en la España ilustrada (Segovia, 1994) e De las manos del príncipe a relojero de la monarquía (Salamanca, 1996). (12)

Juan López Tabar collabora con il Dipartimento di storia dell’Università di Navarra e sta completando il dottorato di ricerca sugli afrancesados durante la crisi dell’Antico regime, argomento sul quale ha già pubblicato alcuni articoli. (16)

Pietro Margheri, insegnante, si interessa di storia e filosofia e collabora con diverse riviste nazionali in particolare sui temi della storia sociale e dello sport. È impegnato nella catalogazione dell’Archivio nazionale dell’Associazione Italiana Combattenti Volontari Antifascisti di Spagna, a Milano, di cui è responsabile. (18)

Abdón Mateos insegna storia contemporanea presso la UNED di Madrid. Studioso del partito socialista e della Ugt, ha tra l'altro pubblicato El Psoe contra Franco. Continuidad y renovación del socialismo español, 1953-1974 (Madrid, Editorial Pablo Iglesias, 1993) (8)

Regina A. Mezei insegna Lingua e letteratura spagnola ed è coordinatrice di vari programmi nel Mercer County Community College (New Jersey). Si occupa del carlismo, tema al quale ha dedicato numerosi articoli. (7)

Ricardo Miralles è professore di storia contemporanea presso la Università del Paese Basco. Ha pubblicato El socialismo vasco durante la II República (1988). Segretario della rivista “Historia contemporánea” di Bilbao. (5)

Antonio Moliner Prada insegna storia contemporanea presso la Universidad Autónoma de Barcelona. Collabora a numerose riviste, da segnalare tra le sue pubblicazioni Lesseps y los partidos políticos españoles. (El Informe de 1848), Alicante, 1993 e Revolución burguesa y movimiento juntero en España, Lleida, 1997. (14)

Donatella Montalto Cessi insegna lingua spagnola all’Università degli Studi di Milano. Ha recentemente pubblicato Verso la democrazia. Cronaca della transizione spagnola (Milano, 1992). (5)

Feliciano Montero ha insegnato storia contemporanea presso l’UNED di Madrid occupandosi di storia del cattolicesimo spagnolo, dai tempi della Rerum novarum alla Transizione. Dal prossimo anno accademico insegnerà all’Università di Alcalà de Henares. Ha ultimamente pubblicato El movimiento católico en España (1993). (7)

Nieves Montesinos insegna diritto ecclesiastico presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Alicante. (8)

Silvia Monti insegna Lingue e letteratura spagnola all’Università di Lecce. Studiosa, in particolare, del teatro spagnolo del Novecento, ha pubblicato, tra l’altro, Sala d’attesa. Il teatro incompiuto di Max Aub (Milano, 1992) e un saggio sul teatro d’avanguardia negli anni Venti. (7)

Antoni Montserrat è attualmente Consigliere economico e commerciale dell’Ambasciata di Spagna a Roma. Economista, ha insegnato nelle università di Barcellona e Valencia. Oltre ad essere autore di varie pubblicazioni è fra i coautori di Capitalismo español: de la autarquía a la estabilización, 1973. (10)

Antonio Manuel Moral Roncal insegna storia contemporanea all’Università di Alcalá de Henares. I suoi principali settori di ricerca sono la crisi dell’Antico regime in Spagna  ( 1775 -1840) e l’asilo diplomatico durante la Guerra civile spagnola. Tra le sue pubblicazioni più recenti ricordiamo Gremios e Ilustración en Madrid (1775-1836) (Madrid, 1998); El reinado de Fernando VII en sus documentos (Barcelona, 1998) e infine El asilo diplomático en la Guerra Civil Española (Madrid, 2001). (22)

Antonio Moreno è dottorando in storia contemporanea presso l’Universidad Complutense di Madrid. Studia l’europeismo spagnolo nel secondo dopoguerra. (3)

Roque Moreno Fonseret insegna Storia Contemporanea all’Università di Alicante. È studioso del franchismo, fenomeno che ha preso in esame in molti articoli e diversi volumi, il più recente dei quali è La autarquía en Alicante, 1939-1952: escasez de recursos y acumulación de beneficios (Alicante, 1995). È stato co-curatore di El franquismo, visiones y balances (Alicante, 1999). (22)

 

Mónica Moreno Seco è docente di Storia Contemporanea all’Università di Alicante. I suoi studi vertono sulla storia della Chiesa spagnola durante il franchismo. Tra le sue pubblicazioni più recenti ricordiamo La quiebra de la unidad. Nacional-catolicismo y Vaticano II en la diócesis de Orihuela-Alicante, 1939-1975 (Alicante, 1999). (22)

Francisco Morente Valero insegna nel Dipartimento di storia moderna e contemporanea dell’Universidad Autónoma de Barcelona. Ha tra l’altro pubblicato Tradición y represión. La depuración del magisterio de Barcelona, 1939-1942 (Barcelona, PPU, 1996) e La escuela y el Estado Nuevo. La depuración del Magisterio Nacional, 1936-1943 (Valladolid, Ámbito Ediciones, 1997). (16)

Susanna Moscardini si è laureata in storia della Spagna contemporanea all’Università di Trieste, con una tesi su Joan Peiró. Attualmente continua ad occuparsi della storia del movimento libertario e sindacale spagnolo, specialmente per quanto riguarda gli anni Trenta. (15, 18)

Antonio Moscato insegna storia contemporanea presso l’università di Lecce. Si occupa di storia del movimento comunista internazionale. (9)

Javier Muñoz Soro, laureato in Storia contemporanea all’Università di Zaragoza, è lettore di spagnolo presso la Facoltà di Scienze politiche dell’Università di Cagliari. Sta preparando la tesi dottorale sulla rivista “Cuadernos para el Diálogo” (1963-1975). (22)

Michele Nani è dottorando in Storia sociale europea presso l’Università di Venezia ed è stato tra i fondatori del “Seminario permanente per la storia del razzismo italiano” (Università di Bologna). Ha pubblicato un saggio dedicato alla figura di Angelo Mosso (Fisiologia sociale e politica della razza latina, in Studi sul razzismo italiano, a cura di A. Burgio e L. Casali, Bologna, 1996). Collabora a “Belfagor” e alla “Rassegna di storia contemporanea” (Modena). (13)

Xosé Manuel Núñez Seixas, si è dottorato presso l’Istituto Universitario Europeo di Firenze e insegna storia contemporanea all’Università di Santiago de Compostela. Ha pubblicato O galeguismo en América, 1879-1936 (1992), Historiographical Approaches to Nationalsm in Span (1993), e ha curato insieme a J.G. Beramendi e R. Máiz, Nationalism in Europe: Past and Preent (Santiago de Compostela, 1994). (3,7,12)

Paola Olla è professore ordinario di storia delle relazioni internazionali alla Facoltà di Scienze Politiche dell’Università Statale di Milano. Tra le sue pubblicazioni più recenti si segnalano Yalta: un mito che resiste, Roma, 1988; L’anello mancante. Il problema della Spagna franchista e l’organizzazione della difesa occidentale (1947-1950), Sassari, 1990.(15)

Veronica Orazi è dottoranda in filologia romanza presso l’Università di Firenze. Si interessa di ispanistica e di catalanistica, sia sul versante letterario che su quello linguistico. (7)

Isabel Pascual Sastre è attualmente borsista presso la Escuela Española de Historia y Arqueología del Csic di Roma. Sta preparando la tesi di dottorato sui rapporti italo-spagnoli nella seconda metà dell'Ottocento. (5)

Daniele Pasquinucci è dottorando in storia presso l’Università di Pavia. Collabora con la Cattedra di storia contemporanea della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Siena. (7)

Rodolfo Pastore insegna economia all’Universidad Nacional de Quilmes (Argentina). Ha pubblicato numerosi articoli e attualmente ha in corso di stampa presso la Editorial de la Universidad Nacional de Quilmes il volume Expansión y concentración agroalimentaria en la Argentina de los años '90. Ensayos de Economía Política de la Alimentación. (18)

Carla Perugini insegna lingua e letteratura spagnola all’Università di Salerno. Ha pubblicato tra l’altro Antologia del racconto romantico Spagnolo (Napoli, 1991). Nell’ambito dell’epoca contemporanea ha pubblicato vari studi sulla prosa romantica, sulla poesia del Novecento, sulla novela negra e sulla letteratura dell’esilio.  (4, 10, 12, 13)

Isabel Peñarrubia i Marquès si è occupata delle vicende storiche di Maiorca a partire dalla seconda metà del Sec. XIX e del caciquisme. Ha pub­blicato Mallorca davant al centralisme 1868-1910 (Barcellona, 1980) e Els partits polítics davant al caciquisme i la questió nacional a Mallorca 1917-1923 (Barcellona, 1991). (6)

Giulia Poggi insegna Lingua e letteratura spagnola presso l’Università di Verona. Si è occupata soprattutto di Góngora e di Tirso de Molina. (9)

Scheryl Lynn Postman insegna presso l’Università del Wisconsin – River Falls (USA). Specialista in letteratura contemporanea spagnola e italiana, oltre a numerosi saggi sparsi su varie riviste ha curato assieme a Marco Rimanelli The 1891 New Orleans Lynchings and United States-Italian Relations: A Look Back, New York, Peter Lang Publishing, 1992. (10)

Josep Puigsech Farràs fa parte del Dipartimento di storia moderna e contemporanea della Universidad Autonóma de Barcelona. Svolge attualmente ricerche per la tesi di dottorato che verte sul movimento operaio catalano con particolare attenzione ai rapporti sul piano internazionale. (15)

Franco Quinziano è docente di lingua e letteratura spagnola presso lo IULM di Milano. Si occupa in particolare di letteratura e cultura spagnola e ispanoamericana dell’ultimo Settecento e del primo Ottocento. Ha pubblicato diversi articoli su J. Cadalso, J. García de la Huerta, M. de Zequeira e J. Caballero, oltre che sul giornalismo del periodo tardo settecentesco nell’area dei Caraibi. (16)

Javier Rodrigo Sánchez si è laureato in Storia presso il Dipartimento di Storia contemporanea dell’Universidad de Zaragoza ed è attualmente dottorando all’Istituto Universitario Europeo di Fiesole. Le sue ricerche vertono sull’universo concentrazionario durante la guerra civile e il primo franchismo. (19)

Antonio Rojas Friend, giornalista e storico, ha conseguito il dottorato in Scienze dell’informazione presso l’Universidad Complutense di Madrid. Coautore dei libri Realidad social española (Barcelona, 1994) y Consejo de guerra. Los fusilamientos en el Madrid de la Posguerra (Madrid, 1997) e autore di numerosi articoli e monografie sulla storia del giornalismo spagnolo. (13)

Pablo Romero Gabella si è laureato nel 1997 in Storia moderna e contemporanea all’Universidad de Sevilla. Si è occupato di problemi di storia militare dell’inizio del XIX secolo (il reclutamento in particolare), e ha studiato il periodo dell’occupazione francese ad Alcalá de Guadaira e a Sevilla durante la Guerra de la Independencia. (18)

Dolores Rubio García, ha conseguito il dottorato in Scienze dell’Informazione presso l’Universidad Complutense di Madrid. Insegna relazioni internazionali e istituzioni europee all’Università Complutense e alla Southern Mississippi University (Madrid). Coautrice del libro La política exterior española en el siglo XX, Madrid, 1994. (13)

Coro Rubio Pobes insegna storia contemporanea alla Universidad del País Vasco. Nelle sue ricerche si è occupata costantemente della società basca, indagandone soprattutto la storia nel secolo XIX. Sull’argomento ha  pubblicato numerosi saggi e articoli, e alcuni libri, dei quali il più recente è Fueros y Constitución: la lucha por el control del poder (País Vasco, 1808-1868), (Bilbao, 1997). (17)

Miguel Ángel Ruiz Carnicer insegna storia contemporanea presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Zaragoza. (4)

Sabrina Sambaldi si è laureata in lettere presso l’Università degli studi di Trieste nel 1984 con una tesi su Cultura e propaganda nelle pagine di "Critica Fascista". Le scelte di guerra (1934-1939). (8)

Augustín Sánchez Andrés laureato in Historia de América alla Universidad Complutense di Madrid, dal 1996 è Doctor en Historia. È stato Premio Extraordinario de Licenciatura della  Complutense e borsista post­dottorale della stessa università. Autore di vari articoli pubblicati in riviste spa­gnole e straniere, nonché di diverse comunicazioni, segue due tematiche princi­pali di ricerca: la amministrazione coloniale spagnola nel secolo XIX e le rela­zioni tra la Spagna e l’America Latina nell’età contemporanea. Attualmente è ricercatore presso il Colegio de México, (11)

José Miguel Santacreu Soler insegna storia contemporanea presso la Fa­coltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Alicante. Ha pubblicato La crisis monetaria española de 1937 (Alicante, 1986). Attualmente si occupa di archeo­logia industriale.  (6)

María Rosa Saurín de la Iglesia insegna lingua e letteratura spagnola presso la Facoltà di Lingue dell’Università degli studi di Urbino. Studia in particolare l’illuminismo e il XIX secolo, dedicando una speciale attenzione alla Galizia. Ha pub­blicato tra l’altro Del despotismo ilustrado al liberalismo triunfante, La Coruña, 1993. Ha recentemente curato l’edizione del periodico liberale “El Ciudadano por la Constitución” (A Coruña, 1997, 2 voll.) e pubblicato il  Cancionero Liberal contra Fernando VII, (Fassano, 1998).  (8, 11, 14)

Emma Scaramuzza è ricercatrice di storia contemporanea presso 1’Università degli Studi di Milano e si occupa di storia del movimento politico delle donne in Italia e in Spagna. (9)

Emanuela Scardovi si è laureata nel 1993 presso l’Università degli Studi di Bologna con una tesi su “La Revista Blanca” e il movimento libertario iberico. (5)

Isidro Sepúlveda Muñoz insegna storia contemporanea all’UNED di Madrid. Si occupa attualmente del nazionalismo e ha pubblicato Comunidad cultural e hispanoamericanismo, 1892-1936, Madrid, 1994. (9)

Raúl Soutelo Vázquez fa il dottorato di ricerca presso l’Università di Vigo (Campus di Ourense) sul tema Movimenti sociali, potere locale e ideologie nel mondo rurale: Ourense, 1880-1936. Oltre a diversi articoli, ha scritto un libro sul movimento contadino del NO della provincia di Ourense (Vigo, 1997). (11)

Marco Succio si è laureato nel febbraio 2000 in Lingue e letterature straniere con una tesi su Menéndez y Pelayo e il dibattito sulla ciencia española presso l’Università degli Studi di Genova  . Ha pubblicato uno studio su Menéndez y Pelayo y el tomismo español. Le sue ricerche attuali vertono sul modernismo religioso in Juan Ramón Jiménez e sul filosofo Manuel Granell. (17)

Francesco Tamburini si è laureato in scienze politiche presso l’Università di Pisa nel marzo del 1994 con una tesi di laurea su La percezione italiana della seconda guerra d’indipendenza cubana, 1895-1898. (7, 9)

Marisa Tezanos Gandarillas si è laureata in Storia contemporanea presso la Universidad Complutense di Madrid nel 1992. Svolge attualmente ricerche per la tesi di dottorato sotto la direzione di Feliciano Montero (Università di Alcalá de Henares). Ha pubblicato vari articoli su “XX Siglos”, “Espacio, Tiempo y Forma” e ha preso parte a diversi convegni. (17)

Sandro Tomà si è laureato in scienze politiche presso l’Università di Firenze nell’anno accademico 1994/95 con una tesi in storia contemporanea dal titolo L 'autonomia catalana: aspirazioni e realizzazioni della quale è stato relatore il prof. Luigi Lotti. (10)

Alberto Tonini ha conseguito il dottorato di ricerca in storia delle relazioni internazionali con una tesi dedicata alla politica dei paesi europei sulla questione palestinese. Ha pubblicato un saggio sui rapporti fra l'Egitto e i palestinesi di Gaza. Dal 1995 è segretario della Società Italiana per gli Studi Medio Orientali. (10)

Hipolito de la Torre insegna storia contemporanea alla UNED (Madrid). Studioso di relazioni internazionali, si interessa in particolare dei rapporti tra Spagna e Portogallo. Ha scritto tra l’altro Portugal - Espanha na encruzilhada da Grande Guerra 1913-1919, Lisbona, 1980. (3)

Enric Ucelay Da-Cal insegna storia contemporanea all’Universidad Autónoma de Barcelona. Ha pubblicato moltissimi saggi in Spagna e all’estero. Tra le sue pubblicazioni recenti in Italia notiamo Prefigurazione e storia: la guerra civile spagnola del 1936-39 come riassunto del passato (in Guerre fratricide, a cura di G. Ranzato, Torino, 1994); Moderni sogni girondini. Italiani, portoghesi e catalani nella rivoluzione repubblicana spagnola (1923-1938) (in “Quaderni del Circolo Rosselli”, n. 2,  1996).  (15)

José Ramón Urquijo Goitia del Csic (Madrid), si occupa del XIX secolo spagnolo, del liberalismo e del carlismo. Ha pubblicato tra l’altro La revolución de 1854 en Madrid, Madrid, Csic, 1984. (3)

Simona Urso, ha conseguito il dottorato di ricerca in storia contemporanea presso l’Università di Urbino e attualmente svolge attività di ricerca postdottorale presso l’Università di Padova, sotto la supervisione di Silvio Lanaro. Si occupa di storia d’Italia nel periodo tra età giolittiana e fascismo. Ha pubblicato saggi e note critiche su varie riviste. Collabora inoltre con l’Istituto Gramsci Emilia-Romagna. (16)

Annibale Vasile, giornalista, già corrispondente a Madrid della RAI Radiotelevisone italiana dal 1980 al 1997. (18)

Xosé R. Veiga Alonso è Dottore in storia contemporanea e insegna questa disciplina all’Universidad de Santiago de Compostela. Ha studiato, attraverso la figura del conte di Pallares, il progresso, la stampa e le ferrovie in Galicia. Un altro filone delle sue ricerche è quello sul clientelismo. Su questi temi ha pubblicato diversi articoli e saggi. (18)

Bernard Vincent, specialista della storia di Spagna del Cinque e Seicento, ha insegnato all’Université di Paris VII dal 1982 al 1988. Da quell’anno è Directeur d’Études all’École des Hautes Études en Sciences Sociales (E.H.E.S.S.) di Parigi. Nel 1993 è divenuto il responsabile del programma di cooperazione franco-spagnola in scienze sociali.  Dal 1996 è responsabile della Division Histoire della stessa E.H.E.S.S.. Ha pubblicato più di un centinaio di articoli e numerosi libri, tradotti in diverse lingue, tra cui ricordiamo Historia de los moriscos, vida y tragedia de una minoría (1978), 1492, «l’année admirable» (1991) e l’appena uscito Le temps de l’histoire (XVI-XVII siècle).  (16)

Ricard Vinyes insegna Storia contemporanea presso l’Università di Barcellona Centrale. Si è occupato di movimenti politici e popolari della Catalogna pubbli­cando, tra l’altro, Catalunya internacional, Barcelona, 1983 e La presència ignorada. Cultura comunista a Catalunya, Barcelona,  1989. (11)

Alexandra Wilhelmsen insegna lingua e storia spagnola presso l’Università di Dallas (Texas). Studiosa del carlismo, ha recentemente pubblicato in Spagna La formación del pensamiento político del carlismo, 1810-1875 (Madrid, 1995). (7)

Esperanza Yllán Calderón insegna storia contemporanea presso l’Universidad Complutense di Madrid. Ha pubblicato tra l’altro Cánovas del Castillo. Entre la historia y la política, Madrid, Cec, 1985. (3)

Aitor Yraola insegna lingua spagnola nel dipartimento di lingue romanze e slave dell’Università di Reykjavik (Islanda). Ha pubblicato tra l’altro Ensayos de cultura española, Stofnum í erlendum tungumálum vid. H. I., Reykjavík, 1992. (3)